Omaggio al 68_concerto N.N. Sulla morte dell’anarchico Serantini_Ars Ludi e Ready-Made Ensemble_Tenuta Dello Scompiglio_LR_1

Omaggio al ’68 allo Scompiglio: in scena “N.N. Sulla morte dell’anarchico Segantini” con sei voci liriche. Musica di Francesco Filidei, testi di Stefano Busellato

Concerti e Lirica, Lucca

Figlio di N.N.
Questa la dicitura apposta sulle carte d’identità dei trovatelli fino al 1975.
N.N.: Nomen Nescio, Nome sconosciuto.

Prende le mosse dalla tragica storia di Franco Serantini, giovane anarchico di origini sarde morto a Pisa nel 1972 e divenuto simbolo di una generazione, l’”Omaggio al ’68″ che l’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta dalla regista e performer Cecilia Bertoni, propone sabato 12 maggio 2018 alle 19.30 nella Tenuta dello Scompiglio a Vorno (Capannori / Lucca). “N.N. Sulla morte dell’anarchico Serantini”, con la musica del compositore pisano Francesco Filidei e i testi di Stefano Busellato. Un affresco sonoro per sei voci liriche soliste e sei percussionisti – ispirato al libro di Corrado Stajano “Il sovversivo”, del 1975 – che ripercorre una delle pagine più dolorose e significative della nostra storia. Con le percussioni dei solisti di Ars Ludi e le voci di Ready-Made Ensemble. Direzione di Tonino Battista. 

Il concerto è realizzato con il supporto di SIAE per il progetto “SIAE – Classici di Oggi”.

Programma:
I Manifestazione
II Canto primo (Dormo)
III Intermezzo primo (Autopsia-Tuttomondo)
IV Carcere
V Intermezzo secondo (S’Angioni)
VI Canto secondo (Drommi)
VII I Funerali dell’Anarchico Serantini

Percussioni, Ars Ludi: Antonio Caggiano, Pietro Pompei, Rodolfo Rossi, Gianluca Ruggeri, Aurelio Scudetti, Flavio Tanzi
Voci, Ready-Made Ensemble: Paola Ronchetti, soprano, Antonella Marotta, mezzosoprano, Marta Zanazzi, contralto, Romolo Tisano, tenore, David Ravignani, baritono, Giuliano Mazzini, basso
direttore Tonino Battista

Omaggio al 68_concerto N.N. Sulla morte dell’anarchico Serantini_Ars Ludi e Ready-Made Ensemble_Tenuta Dello Scompiglio_LR_2
©Musacchio & Ianniello

“N.N. è un’opera dedicata all’anarchico Franco Serantini – spiega Antonio Caggiano, cofondatore dell’ensemble Ars Ludi – Arrestato durante la manifestazione del 5 maggio ’72 a Pisa, pestato e condotto in carcere morì in modo atroce in seguito alle percosse subite da parte della polizia. Una storia che è una miscela (esplosiva di ingiustizia, ribellione, solitudine e passione capace di riassumere da sola tutta un’epoca e l’intera generazione figlia del ’68.”
Appunti di testo di Filidei tratti dalla partitura: “Tutti gli interpreti sono impegnati fisicamente in modo totale, sulla partitura sono notati persino i movimenti del collo e della testa: la prima parte è uno scenario di scontri, fra suoni di sirena, fischietti di polizia ed esecutori che pestando i piedi per terra imitano un plotone in marcia, la seconda un percorso all’interno della mente e del corpo martoriato di Serantini con riferimenti evidenti alla Passione, l’ultima una sorta di rito laico che vede tutti i partecipanti seduti dietro al loro tavolo nero scatenarsi fra schiocchi di lingua e di dita, respiri, mani battute, baci, colpi di tosse, urla. Queste sezioni principali son separate da due canti e due intermezzi fra il grottesco ed il nostalgico.
Un percorso verso la lingua sarda e verso una figura materna si delineano a poco a poco attraverso la partitura, per giungere ai frammenti di una incredibile ninna nanna campidanese. Il testo è affidato al filosofo pisano Stefano Busellato. 
Dalla biblioteca Serantini, da Corrado Stajano e Nanni Balestrini sono stati forniti incoraggiamenti e materiale utile.”

Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All’interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all’Azienda Agricola e alla Cucina Dello Scompiglio, opera l’omonima Associazione Culturale. L’Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone itinerari performatici all’aperto, visite guidate, lezioni Metodo Feldenkrais®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE). Una particolare attenzione è dedicata infine alle attività culturali per bambini e ragazzi, con rassegne teatrali, laboratori e campi estivi. 
www.delloscompiglio.org

INFO  0583 971125 

Lascia un commento

84 + = 85