saladarme

Maratona Radicals il 23 ottobre in Sala d’Arme per la mostra “Utopie Radicali. Oltre l’architettura: Firenze 1966-1976”

Firenze, Focus

In occasione della mostra Utopie Radicali. Oltre l’architettura: Firenze 1966-1976 (Firenze, Palazzo Strozzi, 20 ottobre 2017-21 gennaio 2018), a cura di Pino Brugellis, Gianni Pettena, Alberto Salvadori, promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi, Fondazione CR Firenze e Osservatorio per le Arti Contemporanee, Senzacornice11 curerà il 23 ottobre 2017, nel quadro della rassegna Estate Fiorentina, l’evento speciale Maratona Radicals presso la Sala d’Arme (nella foto sopra il titolo) di Palazzo Vecchio (ore 10:00-18:00). L’iniziativa è stata anticipata il 16 giugno 2017 da un primo appuntamento in occasione di Milano Arch Week 2017 promossa dal Politecnico di Milano, Triennale di Milano e Comune di Milano con la direzione artistica di Stefano Boeri, presso il Giardino delle Sculture della Triennale di Milano.

La Maratona Radicals del 23 ottobre 2017 sarà una giornata di approfondimento dedicata all’avanguardia architettonica degli anni Sessanta e Settanta e alla sua eredità, che ospiterà i protagonisti di questa vitale stagione dell’architettura italiana e internazionale insieme a studiosi che ne hanno indagato il pensiero critico. La giornata approfondirà alcuni temi dell’avanguardia architettonica che hanno contraddistinto la sperimentazione di quegli anni (alluvione, archivio, città, editoria alternativa, utopia e antiutopia, viaggio etc.) esaminandone le radici e le riletture. Queste tematiche verranno affrontate attraverso domande mirate ai relatori, le cui risposte andranno a costituire le voci critiche di un inedito dizionario sul pensiero radicale.

L’incontro sarà ambientato all’interno del prestigioso contesto storico della Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, che per l’occasione sarà riconfigurato grazie a una scenografia digitale composta da fotografie e filmati d’epoca, dal grande impatto visivo, proiettata sulle pareti della sala.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

− 4 = 5