Roberto Scarcella Perino bassa

Le Sonate di Roberto Scarcella Perino (al pianoforte Giuseppe Bruno) protagoniste a Villa La Pietra per la rassegna “The Season”

Firenze, Musica

Le Sonate per Pianoforte di Roberto Scarcella Perino (foto sopra il titolo), eseguite dal pianista Giuseppe Bruno, saranno le protagoniste dell’appuntamento di lunedì 11 giugno 2018, ore 21.00, di The Season, la rassegna estiva organizzata dalla New York University a Villa La Pietra.

Le quattro Sonate per pianoforte sono legate da elementi comuni, ma hanno tutte una loro identità precisa. A differenza di molti autori del secondo Novecento, Roberto Scarcella Perino intende la musica come un’arte comunicativa e teatrale che deve impiegare forme musicali tradizionali, classico-romantiche. A questo riguardo è fondamentale, e ben riconoscibile, l’utilizzo della forma-sonata (presente in tutti i movimenti iniziali), della liedform (prevalente nei brani intermedi), del rondò o delle variazioni. Tuttavia, anche se i contenitori sono tradizionali, le sonate esprimono sempre uno stile molto personale. In maniera analoga a Shostakovich o Prokof’ev, l’uso delle forme classiche è finalizzato a trasmettere contenuti emotivi, anche molto intimi.

“La Prima Sonata è quella a cui sono personalmente più affezionato – racconta Giuseppe Bruno – anche perché da me eseguita più volte, in tre paesi diversi. Il ricordo di Sonia Pahor, eccellente pianista e insegnante di Roberto, è il tratto emotivo prevalente, nella dolcezza del Moderato, ma anche nell’acquerello sonoro dell’Andante. La Tarantella/Rondò finale ci rimanda alle origini di Roberto e ai suoi ricordi di ragazzo siciliano. Nella Seconda Sonata, dedicata a Patrizia di Carrobio, il linguaggio ritmico è quasi americano nell’Allegro Birbante, mentre il Quasi una romanza è il secondo movimento più articolato all’interno delle quattro sonate, con una parte centrale tempestosa. Notevole il Tema con variazioni conclusivo, in cui Roberto si dimostra capace di nascondere una costruzione ritmica che va progressivamente dal metro in 3 a quello in 9 sotto una rimarchevole fedeltà al tema originale. Le 12 variazioni su Ciuri Ciuri avevano già testimoniato la bravura di Roberto a scrivere variazioni. La Terza Sonata, dedicata a Stefano Albertini, è sicuramente la più ambiziosa. Il primo tempo, l’Allegro ma non troppo, è complesso e contiene un episodio fugato con un tema decisamente jazzistico. Il secondo movimento è un Valzerino un po’ svanito, con la funzione di allentare la tensione: quasi un omaggio a Rota e ai balli della balera. Nel Vivacissimamente siamo di fronte a un tour de force per il pianista, condotto dal compositore in maniera virtuosistica e senza alcuna timidezza: Roberto è particolarmente dotato nel riuscire a restituire all’esecutore un ruolo da protagonista, e non da semplice macchina per suoni, come è stato spesso il caso negli anni più recenti. La Quarta Sonata è dedicata a Brian Fahey. A mio avviso questa si avvicina molto alla Prima Sonata: l’Allegretto ne ricorda l’andamento, ma è più breve e compatto. La delicata Berceuse è, a detta di Roberto, una lezione di Yoga: un momento di meditazione e quasi di sospensione del tempo. Nell’Allegro danzante appaiono di nuovo delle danze, intercalate da una “promenade” di mussorgskiana memoria. Queste danze non sono però italiane ma irlandesi, in omaggio alle origini del dedicatario del pezzo. Il virtuosismo è presente, ma non nella maniera importante e quasi lisztiana della Terza Sonata: è più leggero e sciolto, e ricorda molto spesso il violino così usato nella musica celtica”.

The Season, inaugurata con la mostra “Inside Out: Camera Obscura Views of Villas and their Environs. The photography of Abelardo Morell” (visitabile su appuntamento fino al 14 settembre), proseguirà sino al 3 luglio 2018 con tantissimi appuntamenti, tutti a ingresso gratuito, ma con prenotazione obbligatoria per email a lapietra.reply@nyu.edu o telefonando allo 055 5007210.

Le sonate per pianoforte
di Roberto Scarcella Perino

Giuseppe Bruno, piano

Piano Sonata No.1

I. Moderato
II. Andante
III. Tarantella/Rondò

Piano Sonata No. 2

I. Allegro birbante
II. Come una romanza
III. Tema con variazioni

Piano Sonata No. 3

I. Allegro ma non troppo
II. Valzerino
III. Vivacissimamente

Piano Sonata No.4 (World Premiere)

I. Allegretto
II. Berceuse
III. Allegro danzante

Lascia un commento

53 + = 60