ATP_2167

La fiaba crudele di “Iris”. L’opera di Pietro Mascagni arriva sul palcoscenico del teatro del Giglio di Lucca

Concerti e Lirica

Dopo i successi di pubblico e di critica riscossi nei teatri di Livorno (Goldoni) e Pisa (Verdi), arriva sul palcoscenico lucchese del Teatro del Giglio “Iris”, capolavoro giapponese di Pietro Mascagni, in scena sabato 10 febbraio 2018 alle ore 20.30 con replica domenica 11 alle ore 16. Un’opera (nella foto sopra il titolo una scena durante le prove al Teatro Goldoni di Livorno, ph. Trafiletti / Bizzi) che si presenta al pubblico con un raffinato allestimento, frutto della coproduzione italo-nipponica che unisce, ai teatri di Livorno, Lucca e Pisa, il Kansai Nikikai Opera Theater di Osaka. Per la prima volta in un teatro italiano, l’opera di Mascagni è firmata da un regista proveniente dal paese del Sol Levante, Hiroki Ihara, uomo di teatro già noto in Italia per alcune produzioni operistiche di successo (tra cui le pucciniane Madama Butterfly e Turandot), mentre la parte musicale è curata da un interprete di grande esperienza verista, il milanese Daniele Agiman, direttore principale per il repertorio italiano proprio all’ Opera di Osaka.

LO SPETTACOLO

Il frutto del connubio co-produttivo tra Italia e Giappone dà vita a uno spettacolo che unisce la sensibilità interpretativa tutta italiana con la fedeltà alle indicazioni mascagnane del Maestro Agiman, che propone la versione integrale dell’opera senza alcun taglio della partitura, e l’elegante, pittorica stilizzazione drammaturgica giapponese della lettura registica di Ihara, incline a sottolineare le atmosfere di fiaba crudele proprio dell’opera mascagnana e la solitudine visionaria della figura della protagonista, vittima predestinata della cattiveria spregiudicata del mondo degli adulti. Interamente nipponica la parte visiva della produzione, con le scenografie di Sumiko Masuda, i costumi originali di Tamao Asuka e le coreografie di Rina Ikoma.

IL REGISTA

«Orientalismo, Impressionismo e Decadentismo sono le parole chiave da utilizzare per questo capolavoro – spiega il regista Hiroki Ihara – a tratti mi sembra che Iris sia più vicina alla Turandot che a Madama Butterfly. Liù, grande eroina pucciniana della Turandot, ci ha fatto conoscere la forza del sacrificio. Iris ci mostra l’arma più forte del sacrificio: la resistenza passiva dell’innocenza. Alla fine Iris diviene veramente la grande eroina rappresentante la vittima di ogni tipo di sfruttamento e maltrattamento nella vita degli esseri umani.»

IL CAST

Il soprano di fama internazionale Paoletta Marrocu interpreterà il ruolo del titolo nella recita di sabato 10 febbraio, mentre domenica 11 Iris sarà Filomena Fittipaldi. Con loro, sul palcoscenico del Teatro del Giglio, Manrico Signorini (10) e Fulvio Fonzi (11) (Il Cieco); Paolo Antognetti (10) e Denys Pivnitskyi (11) (Osaka); Carmine Monaco d’Ambrosia (10) e Keisuke Otani (11) (Kyoto); Alessandra Rossi (10) e Chiara Milini (11) (Dhia, Una Guècha); Federico Bulletti (Un Cenciaiolo); Tommaso Tomboloni e Marco Innamorati (Cenciaioli). “Iris” è il risultato del Mascagni Opera Studio, progetto del Teatro Goldoni di Livorno che si è avvalso della preziosa collaborazione del Rotary Club Livorno e si è concluso con una masterclass condotta dal soprano Paoletta Marrocu. Orchestra Filarmonica Pucciniana, Coro Ars Lyrica, Maestro del Coro Marco Bargagna; Coro aggiunto per Inno del sole istruito da Luca Stornello.

INCONTRO DI PRESENTAZIONE

Sabato 10 febbraio 2018 alle ore 18, al teatro San Girolamo, si terrà la presentazione dell’opera al pubblico a cura di Cesare Orselli, musicologo di vaglia e firma di Classic Voice; l’ingresso all’incontro è libero e gratuito, fino a esaurimento posti.

La Stagione Lirica del Teatro del Giglio è realizzata col sostegno del Ministero delle Attività Culturali e del Turismo, e con l’apporto determinante delle istituzioni locali – Regione Toscana e Comune di Lucca –, di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Fondazione Banca del Monte di Lucca, Lucar, CCH-Tagetik e Unicoop Firenze.

Biglietti da 15 a 55 euro, in vendita online su www.teatrodelgiglio.it o alla biglietteria del teatro (tel. 0583465320 – email: biglietteria@teatrodelgiglio.it), aperta dal mercoledì al sabato con orario 10.30-13 e 15-18, e un’ora prima di ogni spettacolo.

Lascia un commento

+ 74 = 81