ANGELONI E SCHORSCHER ANCORA RESONANCE II

Il suono della fisarmonica si mescola al movimento e alla voce: appuntamento all’Istituto Mascagni con le performer Patrizia Angeloni e Ingrid Schorscher

Concerti e Lirica, Livorno

Due artiste, ambedue fisarmoniciste, ma anche vocalist e soprattutto due poliedriche performer – Patrizia Angeloni e Ingrid Schorscher – sono le protagoniste del nuovo appuntamento della Rassegna Fisarmonica…ma che musica maestro, che si tiene venerdì 6 aprile 2018 nell’Auditorium Cesare Chiti dell’Istituto di studi superiori musicali Mascagni a Livorno.
L’incontro, come di consueto, si apre alle 15 con la conferenza dal titolo “Il suono rivela. La Fisarmonica, tra gesto esecutivo e identità musicale”, nel corso della quale Patrizia Angeloni, affermata concertista e docente dello strumento al Conservatorio Ottorino Respighi di Latina, espone gli indirizzi sottesi alla ricerca poetica che conduce con Ingrid Schorscher nel campo delle intersezioni tra i molti modi della percezione – visiva e sonora – e sull’unicità dell’atto creativo poetico, che si rinnova a ogni esecuzione come evento sempre diverso.
Il movimento è suono udibile, il suono è movimento invisibile.

ANGELONI E SCHORSCHER IN RESONANCE II

Questo l’assunto che guida la ricerca di Angeloni e Schorscher, che alle 21.15 sono protagoniste di Resonance II, concerto-performance per fisarmonica, movimento e voce, dove la coreografia – movimento astratto ma anche gestualità quotidiana – e la danza, che può farsi anche voce o puro respiro, s’incontrano e creano intersezioni con la musica, suggerita dalla fisarmonica: questa attinge al repertorio concertistico, dalla musica antica di Mainerio e Purcell alla contemporaneità, fra gli altri, di John Cage, assemblando brani, pagine, ma anche piccoli frammenti e brevi citazioni che integra con spazi d’improvvisazione. L’incontro di venerdì, dunque, si presenta come un’esperienza della musica e della fisarmonica contemporanea e anche come un’incursione nel nuovo territorio della performance, che chiama le diverse arti a concorrere alla creazione dell’atto poetico.

Tanto il seminario delle 15 quanto il concerto delle 21.15 di venerdì 6 aprile sono liberamente aperti al pubblico.

Patrizia Angeloni
Docente di Fisarmonica al Conservatorio di Latina, è da sempre impegnata nella diffusione della fisarmonica da concerto, affianca all’attività concertistica un’intensa attività di ricerca musicologica, in particolare intorno allo sviluppo della letteratura originale e di trascrizione, e un costante impegno in ambito didattico. Ha tenuto corsi, tra li altri, per la Hochschule für Musik di Trossingen e per l’Akademia Muzyczna di Danzica.
Apprezzata attività concertista come solista e in formazioni cameristiche, lavora alla ricerca intorno all’impiego della fisarmonica in ambito artistico, proponendo programmi da concerto orientati verso dimensioni non ancora esperite della musica da camera e, più recentemente, delle performance arts. Collabora, tra gli altri, con: Orchestra Regionale Toscana, Teatro Metastasio di Prato, Teatro Stabile delle Marche, ERT.
Studia fisarmonica con Salvatore di Gesualdo ed è in seminari e masterclass con H. Noth e J. Macello. Diplomata in strumento e in Didattica della musica, compie studi umanistici e didattico-musicali integrati in ambiti diversi: composizione, flauto traverso, Funktionale Methode di G. Rohmert, Metodo Feldenkrais, MusicArtherapy).
Ha pubblicato saggi, trascrizioni e opere didattiche. Si occupa di Progetti di Ricerca nell’ambito della didattica strumentale.

Ingrid Schorscher
Compie gli studi alla Hochschule fur Musik di Trossingen, conseguendo la Laurea in Fisarmonica, in Didattica, in Ritmica e il Master in Performance Arts: Movimento, Dizione e Improvvisazione. Attiva come fisarmonicista in formazioni cameristiche, da alcuni anni si orienta prevalentemente verso la danza e la performance che la vede interprete in molte occasioni. Tra queste si citano: Museo Beyeler, Basilea, 2014; Performer in Marina Abramovic Work; Art Basel, Mostra “14 Rooms”; Performer in “Revolving Door” di Allora/Calzadilla.
“Donaueschinger Musiktage”, Museo Biedermann: Performer/Improvvisazione musica e movimento con installazioni dell’artista e architetto Gabi Schillig; Schramberg (D), Musical “Freude”: regia, scenografia, coreografia (orchestra, coro, cantanti, bambini); Performer nella prima esecuzione di “Vivarium” di Manos Tsangaris, Berlino; Assistente alla Regia di Nils Peter Rudolf in “Freischütz” di Carl Maria von Weber.
Svolge attività didattica in ambiti diversi, tra i quali, “Bühnenpräsenz e Performance” per gli studenti di Composizione e Music Design alla Hochschule für Musik Trossingen; Musica e Movimento alla Hochschule di Ludwigsburg/Reutlingen.

Lascia un commento

8 + 1 =