Giardino delle Invenzioni

Dal drone silenzioso alla bioplastica Pluffa: le invenzioni degli studenti pistoiesi per “Sì… geniale”

Focus, Pistoia

C’è chi ha realizzato un drone silenzioso gonfiato ad elio, chi ha dato il via a “Wikiliceo”, una specie di Wikipedia destinata agli studenti liceali di tutta Italia, chi invece ha inventato “Pluffa”, una nuova bioplastica, e chi è convinto che la cucina sia di per sé scienza e ha creato gelatine gustose e “alchemiche”. Sono soltanto alcuni dei progetti predisposti da intere classi delle elementari, medie e superiori della provincia di Pistoia, che verranno presentati nell’ambito di Sì … Geniale!, mostra-concorso promossa e finanziata dalla Fondazione Caript.

 Nei quattro giorni del Giardino delle invenzioni, che sarà inaugurato il 2 maggio 2018, tutti gli oltre duemila studenti che si sono cimentati con la bellezza della scienza, avranno la possibilità di mostrare ai visitatori il frutto del loro lavoro, oltre che di confrontarsi con esperti e scienziati. “I prodotti arrivati dalle scuole – commenta Ezio Menchi, nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione e ideatore di Sì … Geniale! – ci presentano, come ha scritto un componente del Comitato Scientifico, ‘un fantastico fermento di idee’ che, a partire dalle classi della scuola primaria, ci hanno davvero sorpreso per la qualità progettuale e inventiva, che ha coinvolto anche le discipline letterarie ed espressive. Per questo non posso che ringraziare i docenti e rivolgere un primo e collettivo applauso agli oltre duemila studenti pistoiesi che hanno partecipato al nostro progetto. Aspettiamo tutti loro e tutti i cittadini dal 2 al 5 maggio prossimi a Palazzo Sozzifanti a Pistoia. E lì che mostreremo i loro lavori e organizzeremo molte iniziative di approfondimento. Sarà una grande festa, che vedrà come attori principali studenti e insegnanti delle nostre scuole”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Il drone silenzioso è nato all’ITT “Fedi-Fermi” di Pistoia. “Wikiliceo” è un’idea del Liceo Scientifico di Pistoia. Una nuova bioplastica (battezzata “Pluffa”) arriva dal Comprensivo “Luther King” di Bottegone, mentre in Valdinievole i ragazzi dell’Istituto Alberghiero hanno creato una gelatina frutto della scienza in cucina. Alla scuola media “Dante Alighieri” di Quarrata hanno inventato un videogioco che illustra il viaggio di Dante tra inferno, purgatorio e paradiso. I più piccoli della primaria “L. Andreotti” di Pescia hanno voluto giocare nel rispetto dell’ambiente e si preparano a riempire d’acqua le piscine saltando su un sacco. E nella terra dei vivai non potevano mancare il giardiniere intelligente che lascia decidere ai led quando è l’ora di annaffiare, una soluzione proposta dalla primaria “G. Dei” di Lamporecchio e il vivaio automatizzato progettato dai ragazzi dell’ITT “Fedi-Fermi” con tanto di telecamera a scorrimento accelerato per spiegare ai bambini della scuola primaria come crescono le piante. Gli studenti della sezione industriale del Liceo Artistico esporranno il loro orologio da polso per non udenti corredato da un cinturino realizzato con scarti di frutta. Robotica, informatica, fogli di calcolo, scienze ambientali, genetica, geometria, matematica e altre scienze la fanno da padrone, ma non manca un ampio utilizzo della lingua inglese, di cinema, letteratura, arte e dell’aspetto ludico dell’insegnamento e dell’apprendimento. Tra i settanta prodotti d’ingegno realizzati dagli oltre duemila studenti provenienti da circa cento classi, una giuria presieduta dalla fisica delle nanoparticelle Daniela Bortoletto dell’Università di Oxford, testimonial della prima edizione di Sì … Geniale! e composta dai membri del Comitato Scientifico provenienti da università e istituzioni scientifiche, assegnerà un premio per i tre ordini di scuola, primaria, secondaria di primo e di secondo grado. Un premio individuale andrà a studenti e insegnanti delle classi selezionate, insieme ad una dotazione di risorse, indirizzate all’innovazione didattica, assegnate alle loro scuole. Visti i prodotti, si può dire che il compito della giuria sarà davvero molto difficile.

Lascia un commento

+ 10 = 11