enjoy5

Alla scoperta della Firenze (ma anche Pisa) più insolita: lungo il fiume, all’Opificio delle pietre dure, al Teatro dell’Opera…

Da non perdere, Firenze, Pisa

Ritornano nel mese di settembre gli itinerari alla scoperta della Firenze più insolita, incursioni nel dietro le quinte dell’arte e dell’artigianato, visite culturali che diventano spettacoli teatrali e percorsi acquatici su barche e gommoni da rafting. Si tratta delle iniziative targate “Enjoy Firenze”, il cartellone di percorsi guidati alla scoperta dei tesori artistici e architettonici di Firenze e della Toscana in compagnia di esperti e archeologi, a cura di Cooperativa Archeologia.

Nell’ambito di Estate Fiorentina 2017, per esplorare le vicende che hanno portato le grandi opere artistiche e architettoniche della città a essere quello che sono oggi e conoscere le maestranze artigiane e del restauro che le hanno create e preservate, sono state pensate la visita ai laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure della Fortezza da Basso, dove in seguito alla tragica alluvione del ’66 vennero recuperati capolavori come la Croce dipinta di Cimabue, i Crocifissi di Giotto e negli ultimi anni l’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci (16/09), e un pomeriggio nella bottega in cui i maestri Bruno e Iacopo Lastrucci continuano l’antica tecnica fiorentina del Commesso Fiorentino, lavorando le pietre dure proprio come nel Rinascimento (28/09).

In programma anche una camminata lungo i sentieri del giardino del Museo Archeologico di Firenze, tra tumuli etruschi perfettamente ricostruiti (20/09), un’esplorazione dell’Isolotto, da area rurale a villaggio satellite che ha visto all’opera architetti del calibro di Arnaldo Foschini e Giovanni Michelucci (23/09), una mattina all’Opera di Firenze (foto sopra il titolo) per indagarne gli elementi di continuità con il Rinascimento e conoscerne sia le splendide sale che il dietro le quinte (30/09) e la visita ai sotterranei di Palazzo Vecchio non solo per ripercorrere attraverso le parole degli archeologi coinvolti le vicende dello scavo dell’antico Teatro Romano che si cela sotto il palazzo del Comune, ma anche le importanti novità emerse dal lavoro di questi ultimi mesi (22/09).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per i più avventurosi c’è “Alla scoperta di mulini e gualchiere medievali lungo l’Arno fiorentino”, un’avventura su gommoni da soft rafting dal Girone alla Nave a Rovezzano con protagonisti questi antichi edifici che tramite “L’Arte della Lana” a partire dal XIII secolo hanno reso famosa Firenze per l’attività industriale (12/09).

Ad arricchire il cartellone un’iniziativa fuori porta presso il cantiere di allestimento del Museo delle Antiche Navi di Pisa, che espone le imbarcazioni di epoca romana emerse durante lavori per l’ampliamento della Stazione di Pisa S. Rossore con il loro carico di anfore, ceramiche, vetri, metalli e strumenti di bordo. A partire da questi reperti è stato ricomposto il mosaico di una lunga storia, fatta di commerci e marinai, navigazioni e rotte, vita quotidiana a bordo e naufragi. Gli Arsenali Medicei sono sembrati da subito il luogo più adatto per la realizzazione di un Museo dedicato, ancora in corso di completamento ma già visitabile (17 e 30 settembre).

Ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 e a turismo@archeologia.it

Per ulteriori informazioni www.enjoyfirenze.it

 

 

commesso fiorentino.jpgGiardino_del_museo_archeologico.JPGgualchiere Remole.jpg

Articoli Correlati

Lascia un commento

81 − = 80